In Evidenza »

Un linguaggio comune UE per gli edifici sostenibili

3 ottobre 2017

La Commissione europea ha presentato la fase pilota di “Level(s)”, un nuovo quadro di riferimento UE per gli edifici sostenibili, che aiuterà a trasformare il settore edile. Si tratta del primo strumento di questo tipo concepito per essere utilizzato in tutt’Europa.
Frutto di un’ampia consultazione con l’industria e il settore pubblico, Level(s) si basa su indicatori di prestazione.

Leggi tutto »
Sviluppo sostenibile
Edilizia
Fotovoltaico
Solare Termico
Geotermico
Biomasse
Eolico
Idroelettrico
Mobilità

NOVITA’ EDILIZIE DEL NUOVO DECRETO LEGISLATIVO RINNOVABILI

28 aprile 2011
NOVITA’ EDILIZIE DEL NUOVO DECRETO LEGISLATIVO RINNOVABILI

Il decreto legislativo n. 28 del 3 marzo 2011 n. 28 in attuazione alla direttiva 2009/28/CE, pubblicato in G.U. 28.03.2011 n. 71 ed entrato in vigore lo scorso 29 marzo, non si limita a definire gli strumenti e gli incentivi necessari per il raggiungimento degli obiettivi fino al 2010 in materia di energia da fonti rinnovabili ma detta anche nuove regole sull’integrazione delle rinnovabili negli edifici nuovi e ristrutturati prevedendo una nuova disciplina per ottenere i titoli abilitativi in materia edilizia che va a modificare la normativa statale oggi vigente (D.P.R. 380/2001).

PROGETTO BIOSIRE: MOBILITA’ NAUTICA SOSTENIBILE A VENEZIA

24 marzo 2011
PROGETTO BIOSIRE: MOBILITA’ NAUTICA SOSTENIBILE A VENEZIA

La mobilità sostenibile riveste, ad oggi, un ruolo sempre più centrale nelle politiche di sviluppo della Comunità Europea. Una funzione cardine sottolineata dalla direttiva 2009/28/CE, in cui gli Stati membri si impegnano a raggiungere l’obiettivo minimo obbligatorio del 10% di biocarburanti sul consumo di benzine e diesel per autotrazione entro il 2020.

ECOMAKE: IL VOLTO ‘CERTIFICATO’ DELLA SOSTENIBILITA’

4 febbraio 2011
ECOMAKE: IL VOLTO ‘CERTIFICATO’ DELLA SOSTENIBILITA’

Comfort ambientale, salubrità degli edifici, efficienza energetica: quali sono le soluzioni che il sistema produttivo italiano e quello internazionale mettono a disposizione del comparto dell’edilizia, allo scopo di soddisfare tali obiettivi? La risposta è affidata a Ecomake, la prima mostra-convegno sui materiali e le tecnologie per l’edilizia sostenibile promossa dal Metadistretto veneto della Bioedilizia. Il 17 e il 18 febbraio, presso la Fiera di Verona, ad attendere gli operatori del settore, le imprese, i progettisti e le pubbliche amministrazioni, una vetrina di prodotti che rispondono a precise caratteristiche.

I materiali delle green economy: il litio

13 gennaio 2011
I materiali delle green economy: il litio

C’è la necessità di contrastare le emissioni di gas inquinanti, in uno scenario che vedrà sempre più ridursi le riserve di petrolio. Proseguiamo il nostro viaggio tra quei materiali la cui domanda sta crescendo a livello globale. Scopriremo, ad esempio, che il litio è l’elemento chiave per lo sviluppo della mobilità sostenibile.

I materiali della green economy: le terre rare

13 dicembre 2010
I materiali della green economy: le terre rare

Negli sviluppi industriali e tecnologici dei prossimi decenni, il Litio assumerà un’importanza strategica in risposta alla necessità di contrastare le emissioni di gas inquinanti, in uno scenario che vedrà sempre più ridursi le riserve di petrolio. Proseguiamo il nostro viaggio tra quei materiali la cui domanda sta crescendo a livello globale. Scopriremo, ad esempio, che il Litio è l’elemento chiave per lo sviluppo della mobilità sostenibile.

I VICENTINI E LA GREEN ECONOMY

17 novembre 2010
I VICENTINI E LA GREEN ECONOMY

Risparmio energetico? Prodotti e servizi certificati dal punto di vista ambientale? I vicentini dicono sì. Un sondaggio di DEMOS&PI, curato da Paolo Gurisatti per Assindustria Vicenza, ha misurato l’attenzione nei confronti delle tematiche della green economy da parte di imprenditori e cittadini di uno dei principali centri del Nordest: Vicenza. Ma alcune significative differenze sono ancora presenti tra i diversi territori della provincia, mentre a livello comunale restano in vigore regolamenti e consuetudini che non agevolano la tendenza generale.