Sviluppo sostenibile
Edilizia
Fotovoltaico
Solare Termico
Geotermico
Biomasse
Eolico
Idroelettrico
Mobilità
Home » Articoli, Edilizia, Europa, Fotovoltaico, Nord Est, Solare Termico, Sviluppo sostenibile

Miglioramento delle prestazioni energetiche delle PMI

Print Friendly

Cofinanziato della Commissione europea nell’ambito del programma “Intelligent Energy Europe”, il progetto STEEEPSupport and Training for an Excellent Energy Efficiency Performance ha come obiettivo offrire alle PMI, attraverso le Camere di commercio, una serie di informazioni e strumenti ad hoc per la valutazione e il miglioramento dell’efficienza energetica al loro interno, facendo uso del know-how acquisito dal precedente progetto CHANGE – Chambers promoting Intelligent Energy for SMEs, al quale il sistema camerale italiano aveva preso parte.

EnergheiaMagazine_STEEEP_MunariEnergheiaMagazine_STEEEP_Munari_logo

All’interno del partenariato europeo composto da undici paesi sotto la guida di EUROCHAMBRES, Unioncamere nazionale è il partner italiano che coordina il gruppo di lavoro composto da sette Unioni regionali, tra le quali Unioncamere del Veneto, e tre Camere di commercio: si propone, dunque, a 130 imprese dei territori di competenza degli enti e delle unioni camerali partecipanti un accompagnamento personalizzato per ridurre dal 10% al 15% i consumi di energia e una serie di momenti d’incontro collettivi sul territorio. L’accompagnamento prevede l’elaborazione di indicatori per misurare il proprio consumo, visite degli esperti in azienda per verificare la gestione energetica della PMI e definire le misure per l’efficientamento energetico, l’organizzazione di workshop rivolti alle PMI sull’uso dei tool energetici, l’adozione di misure di risparmio e focus tematici con lo scopo di verificare il corretto svolgimento del progetto, di incontri tecnici sul territorio sui vari temi inerenti a un miglior utilizzo delle risorse energetiche e di verifica dei risultati ottenuti a seguito delle misure adottate da parte delle aziende.

In Veneto, 24 aziende di diversa provenienza hanno iniziato un percorso personalizzato per la riduzione dei consumi. Le aziende coinvolte sono seguite da un consulente energetico che le indirizzerà verso un percorso che le porterà alla riduzione del dei consumi fino al 15% entro il 2017.

Le aziende appartengono per 25% al settore dei servizi, stessa percentuale per quello del commercio e per il 50 % all’industria, da sempre l’ambito dove è più alta la richiesta di efficienza dei processi produttivi. Le aziende, che hanno sottoscritto un impegno con Unioncamere del Veneto, riceveranno anche una visita in azienda da parte del consulente energetico, che realizzerà un piano per il risparmio energetico personalizzato.

La guida
Nell’ambito del progetto è stata realizzata anche una mini-guida contenente alcuni consigli per ridurre il consumo di energia. Ecco di seguito alcuni dei suggerimenti:

  1. Accendi la luce solo se necessario e riduci la luminosità ai livelli minimi richiesti – Spegni le luci quando non sono necessarie: in aree non occupate, di notte, durante i fine settimana. Usa prese multiple per disattivare più elementi con un semplice “click”. Installa sensori di presenza nelle aree comuni e in quelle utilizzate saltuariamente.
  1. Rendi la tua giornata di lavoro efficiente: sfrutta la luce naturale quanto più possibile e scegli colori chiari per le pareti. Pulisci le finestre e lascia che la luce del sole entri. Spolvera le lampade almeno una volta l’anno e scegli lampadine a basso consumo energetico, come CFL o LED: durano di più di quelle a incandescenza e consumano meno energia.
  1. Spegni le apparecchiature per ufficio: stampanti, computer (anche i monitor), fotocopiatrici, fax: spegnili quando non in uso, durante la notte o i fine settimana. “Una fotocopiatrice lasciata accesa durante la notte utilizza energia sufficiente per produrre oltre 1500 copie” (fonte: Carbon Trust). Imposta lo screensaver in modalità nero. Configura le funzionalità di risparmio energetico sulle apparecchiature per ufficio.
  1. Regola i termostati: abbassa la temperatura del riscaldamento di 1 grado e viceversa aumenta la temperatura del sistema di aria condizionata di 1 grado. Questo si tradurrà in circa il 6% di risparmio energetico. Spegni il sistema di aria condizionata e di riscaldamento nei periodi di completa inattività e nelle zone non occupate. Imposta la tua acqua calda a 55 °C invece di 60 °C. Chiudi porte e finestre quando il riscaldamento o l’aria condizionata è in funzione.
  1. Passa a una refrigerazione più intelligente: abbassa la temperatura di condensazione e assicurati che le porte delle zone raffreddate siano chiuse e che la guarnizione della porta sia ben aderente quando il sistema è in funzione. Cerca di limitare la presenza di elementi di raffreddamento in punti caldi o vicino ad impianti di riscaldamento. Accertati che l’aria possa circolare bene intorno e sopra le unità di refrigerazione per garantire una corretta ventilazione.
  1. Esegui una manutenzione regolare. Pulisci o cambia i filtri degli impianti di riscaldamento, ventilazione e condizionamento (HVAC) frequentemente (una volta al mese se la vostra azienda si trova in un’area industriale in cui l’aria è particolarmente inquinata). I filtri sporchi causano un sovraccarico di lavoro all’attrezzatura per mantenere caldo o freddo. Quelli puliti migliorano le prestazioni delle apparecchiature esistenti e le condizioni di lavoro.
  1. Ottimizza il sistema di aria compressa. Assicurati che il sistema di aria compressa sia in funzione solo quando l’impianto è in uso e che sia impostata la pressione minima di esercizio. La riduzione della pressione di 0,5 bar significa 3,5% in meno di consumo di energia. Scollega qualsiasi sistema ad aria compressa che non sia più in uso. Rileva la presenza di eventuali perdite.
  1. Sii efficiente sin dall’inizio. Includi criteri di efficienza energetica nella scelta di nuove attrezzature. Passa a strumenti dotati di tecnologia ad alta efficienza e a risparmio energetico (caldaie a basso consumo, lampadine ad alta efficienza energetica, etc.) – la classe di consumo energetico dell’UE ti aiuta a scegliere i prodotti che fanno risparmiare energia e denaro.
  1. Monitora il consumo di energia. Leggi i tuoi contatori e tieni traccia regolare del consumo di energia. Confronta i dati sui consumi per valutare l’efficacia dei tuoi sforzi di risparmio energetico. Per fare questo prendi in considerazione l’installazione di contatori intelligenti.
  2. Confronta le offerte. Scegli il contratto e il tipo di energia che meglio si adatta alle tue esigenze e considera il passaggio ad una tariffa di energia elettrica rinnovabile per la tua attività. I “Contratti di rendimento energetico” possono aiutarti.

Autrice:
Ludovica Munari, Eurosportello – Unioncamere del Veneto

  • Facebook
  • Twitter
  • Add to favorites
  • Google
  • LinkedIn
  • Email
  • RSS