Sviluppo sostenibile
Edilizia
Fotovoltaico
Solare Termico
Geotermico
Biomasse
Eolico
Idroelettrico
Mobilità
Home » Aziende Informano

Dimore storiche: come promuovere l’efficienza energetica

Print Friendly

Anche i proprietari di dimore storiche, come tutti i proprietari di immobili, sono di fronte all’esigenza dell’efficientamento energetico, toccati dalla Direttiva 2010/31/UE sull’efficienza energetica in edilizia. Nel caso di importanti ristrutturazioni, essa impone l’obiettivo di rendere anche gli edifici storici completamente autosufficienti e quindi a zero emissioni entro il 2018.

E la sfida per l’Italia è particolarmente impegnativa visto il patrimonio immenso di immobili storici, palazzi e castelli, ville e dimore, conventi e residenze di campagna, disseminato in maniera capillare in tutto il Paese. 

Solo i 5 mila soci di ADSI, Associazione Dimore Storiche Italiane, vantano 17 mila edifici di grande interesse storico e culturale. Ma il patrimonio da tutelare è ben più ampio in  quanto occorre aggiungere tutti gli immobili dei patrimoni pubblico, privato ed ecclesiastico.

Proprio ADSI, Sezione Lazio Giovani, ha organizzato di recente a Roma, il convegno “Edifici Storici. Restauro e Risparmio Energetico: Nuove Tecnologie per Nuove Prospettive” promosso con il Dipartimento di Architettura del MAXXI e in collaborazione con il Ministro dei Beni Culturali.  L’obiettivo: definire un punto di incontro tra “sostenibilità” e “conservazione” per coniugare efficienza energetica e tutela degli edifici storici vincolati, verso un obiettivo di significativa riduzione del loro consumo di energia.

Spiega la Responsabile Gruppo Giovani A.D.S.I. Lazio Anna d’Amelio Carbone: “Restaurare un immobile storico in chiave energetica significa diminuire i consumi e tutelare l’ambiente. Significa anche contribuire alla conservazione e alla valorizzazione del patrimonio culturale nazionale.”

L’incontro, che si è svolto presso il museo d’arte moderna MAXXI di Roma, è stata una preziosa occasione di dibattito tra Amministrazioni, proprietari di dimore storiche, architetti, ingegneri e tecnici del settore energetico.

Tutti concordi nella ricerca di interventi compatibili con gli edifici storici, con particolare focus sulle specificità dell’involucro edilizio e delle energie rinnovabili.

In questo ambito è intervenuta Secco Sistemi con l’architectural advisor Alessandro Pandolfo che ha illustrato casi studio di restauro di edifici tutelati ed eseguiti con gli infissi della casa veneta.

Profili snelli per finestre e porte e materiali come il corten e l’ottone che ben si adattano alle caratteristiche estetiche dei palazzi storici combinati con prestazioni energetiche in linea sia con i requisiti di legge che con i parametri richiesti per le detrazioni fiscali ai fini del risparmio energetico.

Tecnologie e materiali intelligenti che conciliano innovazione e storia, sostenibilità e conservazione.

  • Facebook
  • Twitter
  • Add to favorites
  • Google
  • LinkedIn
  • Email
  • RSS