Sviluppo sostenibile
Edilizia
Fotovoltaico
Solare Termico
Geotermico
Biomasse
Eolico
Idroelettrico
Mobilità
Home » Articoli, Europa, Mobilità, Sviluppo sostenibile

Supporto alle amministrazioni nello sviluppo di Piani Urbani di Mobilita’ Sostenibile

Print Friendly

Realizzare una mobilità urbana sostenibile significa fornire risposte convincenti alla domanda variegata e multiforme di spostamento di persone e merci e garantire al contempo un adeguato equilibrio degli aspetti economici, sociali ed ambientali. Si tratta di un problema di non facile soluzione, che grava soprattutto sugli enti locali, investendoli della responsabilità di indirizzare e gestire tali processi, cercando soluzioni valide sia in termini quantitativi che qualitativi in grado di soddisfare le diverse istanze dei numerosi portatori di interesse coinvolti.

Il Progetto europeo BUMP Boosting Urban Mobility Plans ha proprio l’obiettivo di accompagnare i comuni nella pianificazione e gestione della mobilità urbana, fornendo a dirigenti e funzionari tecnici le competenze tecnico-pratiche e l’assistenza multisettoriale necessarie per guidare redazione e adozione di Piani Urbani della Mobilità Sostenibile (PUMS).

BUMP, finanziato dalla Commissione europea, attivo in nove Paesi UE (Italia, Germania, Regno Unito, Spagna, Repubblica Ceca, Ungheria, Polonia, Romania e Bulgaria) e coordinato da AREA Science Park di Trieste, parte proprio da quella domanda di mobilità che va prima di tutto conosciuta e valutata nelle sue componenti spaziali e temporali, senza sottovalutare le variabili legate al territorio, alle sue dinamiche localizzative, all’andamento di medio-lungo periodo del reddito e dei costi legati al trasporto.

Un secondo interrogativo è legato agli scenari possibili: come vogliamo che si presentino le nostre città tra cinque, dieci, vent’anni? La risposta è anche nelle scelte che facciamo – o non facciamo – oggi e che guideranno lo sviluppo. Queste stesse scelte si tradurranno in impatti più o meno significativi su ambiente, consumi energetici, fruibilità dei contesti urbani, possibilità di garantire spostamenti soddisfacenti soprattutto alle categorie più sensibili (ad esempio, a bambini, anziani e disabili).

BUMP propone un pacchetto costituito da fasi complementari di formazione e assistenza professionale a cura di un panel di esperti di provata competenza. Il valore aggiunto consiste proprio nel realizzare un piano di ampio respiro che, valorizzando gli strumenti pianificatori esistenti ed analizzando punti di forza e criticità del contesto di partenza, sia in grado di definire gli obiettivi che una città decide di darsi, stabilire le linee d’azione, scegliere le attività che meglio rispondono alle caratteristiche socio-economiche del territorio, permettendo di seguire gli sviluppi dell’implementazione e di misurarne il grado di successo.

Stabilita la rotta, si potrà parlare di misure integrate e di co-modalità, dal potenziamento della mobilità ciclo-pedonale e del trasporto pubblico, all’utilizzo condiviso dei mezzi di trasporto (car-sharing, car-pooling), alla creazione di una rete di supporto a tecnologie meno inquinanti. I tempi impongono una gestione finanziaria sobria ed efficiente, guardando anche a quelle molteplici opportunità di finanziamento offerte da Bruxelles e a iniziative che sappiano generare sinergie pubblico-privato.

Il percorso proposto da BUMP, confezionato distillando le migliori prassi europee, è stato adattato da ogni partner del progetto al proprio contesto nazionale, anche attraverso il coinvolgimento dei principali portatori di interesse. In Italia, AREA Science Park ha incontrato rappresentanti del Ministero dell’Ambiente (che ha anche concesso il proprio Patrocinio), dell’ANCI, di associazioni di categoria (Euromobility, Federmobilità) e soprattutto di Comuni, i destinatari finali del programma, per comprenderne meglio le necessità e le problematiche più diffuse.

Gli enti selezionati per la partecipazione tra comuni e loro aggregazioni con popolazione compresa tra i 40 e le 350 mila abitanti – più di 70 le amministrazioni che hanno presentato la propria domanda – coinvolgono circa 3,5 milioni di abitanti e appartengono a otto diverse regioni (Marche, Lombardia, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Toscana, Abruzzo, Emilia Romagna, Piemonte). Si tratta dei comuni di Padova, Ravenna, Novara, Alessandria, Cremona, Parma, Pavia, Pesaro, Brescia, Prato, Ferrara, Arezzo, Livorno, Pordenone, Vasto (CH) e delle aggregazioni Monfalcone – Ronchi dei Legionari – Staranzano (GO) e Federazione Camposampierese (PD).

BUMP intende valorizzare il patrimonio di conoscenze ed esperienze dei partecipanti attraverso condivisione e apprendimento reciproco e lo farà anche con l’organizzazione di quattro eventi internazionali nel periodo settembre-ottobre 2014, in cui delegazioni di partecipanti dei nove Paesi si incontreranno a Trieste, Dortmund, Sofia e Budapest per condividere metodologie efficaci e risultati, coinvolgere portatori di interesse e decisori politici del territorio, amplificare e concretizzare l’impatto del progetto. La metodologia di lavoro utilizzata (quella del world cafè) prevede una serie di tavoli di lavoro “in movimento” in cui ogni partecipante avrà modo di confrontarsi direttamente con i suoi colleghi provenienti da molti paesi diversi, ciascuno con un bagaglio di esperienze che viene così messo a disposizione di tutti.

Forti del percorso di formazione e condivisione e accompagnati da una squadra di specialisti, i partecipanti di BUMP proseguiranno quindi con la redazione dei propri PUMS, coinvolgendo anche le rispettive cittadinanze in un processo partecipativo volto a favorire la condivisione delle scelte ed una migliore accettazione delle nuove soluzioni adottate. Le Amministrazioni che si distingueranno per i risultati raggiunti, infine, saranno meta di visite internazionali organizzate da BUMP per far conoscere approcci e soluzioni che possono contribuire a limitare l’inquinamento urbano e i consumi energetici legati ai trasporti, migliorare l’attrattività del territorio e salvaguardare la salute ed il benessere dei cittadini, rendere il territorio urbano più intelligente, accessibile e sicuro.

 

Per maggiori informazioni:
www.bump-mobility.eu
bump@area.trieste.it

Autore: Luca Mercatelli
Servizio Formazione, Progettazione e Gestione Progetti di AREA Science Park

Si autorizza la riproduzione a fini non commerciali, con citazione obbligatoria della fonte e inserimento link a www.energheiamagazine.eu.

  • Facebook
  • Twitter
  • Add to favorites
  • Google
  • LinkedIn
  • Email
  • RSS