Sviluppo sostenibile
Edilizia
Fotovoltaico
Solare Termico
Geotermico
Biomasse
Eolico
Idroelettrico
Mobilità
Home » News, Sviluppo sostenibile

IPCC: un'azione politica globale per i cambiamenti climatici

Print Friendly

Nella conferenza stampa di venerdì 27 settembre al Centro Euro-Mediterraneo per i Cambiamenti Climatici, Sergio Castellari, Focal Point dell’IPCC – Intergovernmental Panel on Climate Changeper – l’Italia, ha presentato il V Rapporto di Valutazione dell’IPCC. Il rapporto è il più vasto e aggiornato studio sulle basi della scienza e della fisica relative ai cambiamenti climatici, a cui hanno lavorato centinaia di autori e revisori scientifici di tutto il mondo.

Nessuna rivelazione inaspettata nel rapporto, che evidenzia come la comunità scientifica internazionale sia ormai certa della responsabilità umana dei cambiamenti climatici: la temperatura media globale (terra e oceani) è aumentata di 0.89 °C nel periodo 1901-2012 e nonostante ad una diminuzione della copertura nevosa artica corrisponda un aumento della copertura marina ghiacciata in Antartide,  è ormai un'evidenza che i ghiacci stiano perdendo massa su scala globale. Anche l' innalzamento del livello del mare, cresciuto di 0,19m tra il 1901 e il 2010, è accelerato durante gli ultimi due secoli.

Lo scenario futuro rimane quindi quello – allarmante – che conosciamo:  si prevede un incremento della temperatura media superficiale di 1-3,7°C entro il 2100, con un pericolo evidente per la società umana che non avrebbe il tempo necessario ad adattarsi a così profonde trasformazioni del sistema climatico. Guardando all'Italia risulta evidente che gli scenari mostrano i rischi a cui è esposto il nostro Paese: zone costiere, approvvigionamento idrico, intensità delle precipitazioni sono fenomeni che possono mettere in ginocchio interi settori produttivi (agricoltura, agro-alimentare – e quindi il settore della ristorazione, turismo, tutela del territorio) in carenza di politiche di mitigazione e adattamento.

Diventa quindi urgentissimo e, secondo l'IPCC ancora possibile, mettere in atto un’azione politica globale per il clima per limitare l’aumento medio di temperatura a 1,5°-2°C, con  un’azione collettiva che stimoli la politica ad agire per ridurre i rischi e tutelare settori chiave dell’economia del Paese e mettere in sicurezza un territorio che già troppe volte, nel recente passato, ha mostrato la sua estrema fragilità.

Il rapporto sarà presentato in un incontro pubblico a Milano il prossimo 10 ottobre.

Per approfondimenti:
Sito dell'IPCC (in inglese)
Sito del CMCC – Centro Euro-mediterraneo per i cambiamenti climatici (in italiano)

zp8497586rq

  • Facebook
  • Twitter
  • Add to favorites
  • Google
  • LinkedIn
  • Email
  • RSS