Sviluppo sostenibile
Edilizia
Fotovoltaico
Solare Termico
Geotermico
Biomasse
Eolico
Idroelettrico
Mobilità
Home » Mobilità, News, Nord Est

Friuli, a ‘Impresa in Azione’ un progetto di biofuel

Print Friendly

Bio Friuel, il progetto della classe terza C dell’Isis Malignani, dedicato al recupero di oli esausti domestici e al loro riutilizzo per produrre un carburante ecologico a basso impatto ambientale ha ricevuto una menzione, per l’attualità del tema trattato e lo spirito imprenditoriale del team, nell’ambito della fase regionale di “Impresa in Azione”. Il concorso nazionale organizzato da Junior Achievement Italia che insegna ai ragazzi delle terze, quarte e quinte superiori come si crea e si gestisce un’impresa.

Iniziativa proposta quest’anno in Friuli Venezia Giulia, grazie a una partnership con Friuli Innovazione che, attraverso l’incubatore Techno Seed, ha messo a disposizione competenze e una rete di esperti, a partire dai mentori del Rotary Club di Udine Nord.

A vincere la fase regionale del concorso è il progetto “Erica”, sempre in ambito agoalimentare, dell’istituto tecnico commerciale Einaudi di Palmanova. Gli studenti hanno realizzato un sito web per la promozione delle piccole e medie aziende agroalimentari del territorio della Bassa Friulana, con l’obiettivo di ampliare il loro mercato, spesso messo in ombra dai grandi supermercati e dai prodotti d’importazione.

Gli altri contendenti erano Bins Art, un prodotto dal design intuitivo e innovativo per la raccolta differenziata indoor di carta, plastica, vetro e lattine proposto da un’altra quarta dell’Isis Malignani di Udine e Graphic for You (IV^A Igea, Itc Einaudi), un servizio customizzato di foto professionali e riprese audio-video.

Nata negli Stati Uniti nel 1919 e diffusa oggi in 123 Paesi al mondo, Junior Achievement è un’organizzazione no profit e propone iniziative per tutte le età scolari con l’obiettivo di accrescere la competitività dei territori investendo sui giovani, sviluppando alcune competenze tipiche del mondo dell’imprenditoria in un percorso fondato sul principio del learning-by-doing.

Al percorso hanno aderito cinque classi, un centinaio di studenti, che dal mese di marzo si sono impegnate a sviluppare la loro start-up accompagnate dal docente-coordinatore e dal mentore, sperimentando i ruoli e le responsabilità di un’azienda reale.

  • Facebook
  • Twitter
  • Add to favorites
  • Google
  • LinkedIn
  • Email
  • RSS