Sviluppo sostenibile
Edilizia
Fotovoltaico
Solare Termico
Geotermico
Biomasse
Eolico
Idroelettrico
Mobilità
Home » Aziende Informano

Professioni del futuro: il manager dell?innovazione ?partecipata?

Print Friendly

Nel mondo dell?intelligenza e del sapere diffusi l?innovazione, come driver fondamentale per lo sviluppo e la competitivit? , non pu? pi? essere un patrimonio chiuso nel forziere di un?azienda: per questo, tra le professioni ora emergenti e che consolideranno la propria posizione nel prossimo futuro, il manager dell?innovazione aperta (open innovation) o partecipata giocher? un ruolo chiave. ? il messaggio dell?intervento di Enrica Monticelli, Global Open innovation and external funding manager Whilrlpool, al FutureCamp Europe tenutosi luned? 6 maggio a Palazzo Isimbardi, sede della Provincia di Milano.

L?iniziativa promossa dall?Associazione Donne e Tecnologie ? rivolta a giovani, docenti e genitori interessati a scoprire e capire come orientarsi nei settori professionali emergenti in Europa nei settori ICT, Salute, Alimentazione, Nuovi materiali, Energia, Ambiente e Trasporti. ?Le grandi aziende, oggi, non possono pi? pensare di affrontare le sfide tecnologiche affidandosi esclusivamente alle risorse interne ?spiega Monticelli, da sempre impegnata nelle attivit? di ricerca e sviluppo per Whirlpool?; e non lo possono fare per ragioni di sostenibilit? economica e per l?oggettiva impossibilit? di avere in forza tutte le professionalit? di area scientifico-tecnologica che occorrerebbero. Per questo serve chi sappia trovare al di fuori dell?azienda, ossia in altre aziende, universit? o centri di ricerca, le conoscenze necessarie a colmare il gap tra problema e soluzione. L?innovazione diventa quindi aperta, ossia ? il risultato di una messa in rete del know how a disposizione dei vari soggetti che collaborano fra loro. Chi individua il soggetto con le competenze adeguate a fornire una soluzione e coordina il lavoro con la propria struttura diventa il manager del processo innovativo?.

L?open innovation acquista un valore supplementare in tempi di crisi quando, con risorse pi? limitate da impiegare, i rischi degli investimenti devono essere ridotti al minimo e i risultati massimizzati. Ma l?open innovation garantisce anche maggiore rapidit? di risposta all?evoluzione della domanda dei consumatori e, favorendo l?aggregazione di pi? soggetti, maggiori chances di accedere alle risorse pubbliche per la ricerca. ?Sono nati sotto questi auspici l?accordo tra Whirlpool EMEA e il Politecnico di Milano intorno alle aree connettivit? e smart grid, efficienza energetica, nuove tecnologie per la cottura e nuovi materiali, i due progetti nell?ambito Agrifood all?interno del banco ?Cluster tecnologici nazionali? promossi dal Miur lo scorso dicembre e SiFood, progetto che aggrega sedici soggetti fra aziende, enti istituzionali e associazioni di categoria, attorno ai temi della tracciabilit? del cibo e della riduzione degli sprechi alimentari in ambito domestico. Ed ? per effetto di questo modus operandi che Whirlpool ha dato vita nel 2012 a Whirlpool Research & Development srl, una societ? ad hoc dove convogliare le eccellenze e le competenze dell?ambito ricerca e sviluppo.

Quanto al profilo richiesto a un manager dell?innovazione, Monticelli non pone limitazioni di sorta: ?A un laureato in discipline tecnico-scientifiche una multinazionale come la nostra chiede, oltre a delle ottime competenze di base, doti di curiosit? e un?attitudine ad affrontare in modo trasversale e creativo i problemi. Nel nostro Food Science institute di Cassinetta l?intuizione ? stata di portare competenze di scienza alimentare a completamento di quelle ingegneristiche tradizionalmente presenti nel settore elettrodomestici; allo stesso modo gli ingegneri lavorano fianco a fianco con i designer e gli esperti di usabilit? per concepire nuovi prodotti. L?innovazione non sarebbe tale se separassimo questi aspetti?. ???

Whirlpool EMEA e Whirlpool Corporation Con circa 10.400 dipendenti, una presenza sui mercati di oltre 30 paesi europei e siti produttivi in sette paesi, Whirlpool Europe, Middle East & Africa (EMEA), n. 1 al mondo nella vendita di grandi elettrodomestici*, ? una societ? interamente controllata da Whirlpool Corporation. L?azienda leader a livello mondiale nella produzione e commercializzazione di grandi elettrodomestici ha avuto nel 2012 un fatturato annuale di 18,1 miliardi di dollari, 68.000 dipendenti e 65 centri di produzione e di ricerca tecnologica in tutto il mondo. L?azienda commercializza i marchi Whirlpool, Maytag, KitchenAid, Jenn-Air, Amana, Brastemp, Bauknecht e altri importanti brand quasi in ogni paese del mondo. Il Centro Operativo Europeo di Whirlpool si trova in Italia, a Comerio (VA). Per ulteriori informazioni sull’azienda, www.whirlpool.it;?pagina Facebook: www.facebook.com/WhirlpoolEMEA

  • Facebook
  • Twitter
  • Add to favorites
  • Google
  • LinkedIn
  • Email
  • RSS