Sviluppo sostenibile
Edilizia
Fotovoltaico
Solare Termico
Geotermico
Biomasse
Eolico
Idroelettrico
Mobilità
Home » Italia, News

Novita’ sulla definizione del servizio di teleriscaldamento

Print Friendly

Secondo quanto stabilito dal Consiglio di Stato nella sentenza depositata il 3 maggio sul contenzioso legato agli aumenti tariffari della TCVVV, il teleriscaldamento non è una mera attività privatistica, complementare e non sostitutiva ad altre forme di riscaldamento, bensì un servizio pubblico a tutti gli effetti.

Sul piano tariffe, segnala la Federazione Italiana Produttori di Energia da Fonti Rinnovabili, la conseguenza più immediata di questa qualificazione del Teleriscaldamento quale Servizio Pubblico è che la delibera di approvazione degli aumenti tariffari assunta dalla Conferenza dei Sindaci è viziata perché non si conforma a quanto previsto dall’art. 117 del Decreto Legislativo 267\2000 per la determinazione delle tariffe dei servizi locali, che prevede corrispondenza tra costi e ricavi, equilibrio dell’investimento e adeguatezza della remunerazione.

«L’esito della sentenza crea un precedente giurisprudenziale importante, in un momento in cui spetta al Comune la definizione della natura del servizio di teleriscaldamento; – commenta Hanspeter Fuchs, vicepresidente Fiper e presidente di Unione Energia Alto Adige – basti pensare che in provincia autonoma di Bolzano, territorio che rappresenta la più alta percentuale di penetrazione di questa tecnologia in termini di n. di comuni riscaldati in Italia, il servizio del teleriscaldamento viene considerato nella stragrande maggioranza dei casi attività privata».

«Cogliamo la sentenza del Consiglio di Stato -conclude Fuchs – come un’opportunità per la nostra associazione di sollecitare le istituzioni competenti a fare maggiore chiarezza sul tema. Ne va dello sviluppo di un comparto estremamente interessante per la qualità del servizio fornito ai clienti, per gli effetti occupazionali ed ambientali che produce sul territorio».

Consulta il testo della Sentenza

  • Facebook
  • Twitter
  • Add to favorites
  • Google
  • LinkedIn
  • Email
  • RSS