Sviluppo sostenibile
Edilizia
Fotovoltaico
Solare Termico
Geotermico
Biomasse
Eolico
Idroelettrico
Mobilità
Home » Edilizia, News, Nord Est, Sviluppo sostenibile

La scuola e gli Obiettivi Europei al 2020

Print Friendly

Come comunicare agli studenti le strategie dell?Unione Europea contenute nelle linee guida del 20-20-20? Quali le vie per rinnovare la didattica negli Istituti scolastici superiori, per formare tecnici in sintonia con gli Obiettivi europei?

Questi i temi centrali che verranno affrontati la mattina del prossimo 18 maggio nel convegno ?Quattro Venti per l?Europa?,?che si svolger? all’Educandato Agli Angeli di Verona. Un evento rivolto ai Dirigenti Scolastici ed agli insegnanti degli Istituti della Scuole Superiori della Provincia di Verona e del Veneto.

L’appuntamento, organizzato da Ecoaction e Green Mood, in accordo con la Provincia di Verona, si rivolge ai dirigenti scolastici ed agli insegnanti maggiormente sensibili, per proporre attenzione alle priorit? dell?Unione Europea nell?ambito della sostenibilit? e dell?energia per il 2020. Sar? la prima tappa per proporre un progetto formativo dallo stesso titolo, “Quattro Venti per l’Europa“, rivolto a tutti gli insegnanti delle scuole superiori, sia del biennio sia del triennio,? e ai gruppi di studenti pi? interessati. L’obiettivo dell’inizitiva, infatti, ? fornire una formazione post diploma in linea con le direttive europee e le nuove tecnologie, con un aggiornamento della didattica che risponda a tali obiettivi.

La mattina, coordinata da Vincenzo Corona, inizier? alle 9.30 con i saluti istituzionali e l’apertura dei lavori. Dalle ore 10 Francesco Marinelli, presidente nazionale Ecoaction C&PS, illustrer? le priorit? dell’Unione Europea: dal Pacchetto Clima Energia alla “Low Carbon Economy” al 2050. Seguir? l’intervento del direttore Education Confindustria nazionale, Claudio Gentili, sulla? formazione di tecnici competenti per la realizzazione degli obiettivi Europei.

Poi sar? la volta di Stefano Quaglia che porter? il punto di vista dell’Ufficio Scolastico Regionale Veneto riguardo le sfide, i limiti e il rinnovamento della didattica nell’offerta formativa necessaria per una Scuola superiore europea.
Chiuder? la prima sessione Dino Poli, preside emerito dell?ITIS Ferraris di Verona, con un intervento su?conoscenze, competenze operative, coinvolgimento delle aziende nel rinnovamento della didattica alla luce delle direttive europee.?

Infine, spazio a progetti e testimonianze per un rinnovamento concreto nell’ambito della formazione nella Scuola Superiore.
Carlo Visioli
di Green Mood presenter? l’esperienza fatta nel 2012 di?Pr?sidi per il 2020: Diagnosi energetica di un Istituto Scolastico“. Ad affrontare il tema, dal punto di vista pratico, della?formazione dei futuri tecnici e, nello specifico, delle possibili integrazioni post diploma sar? Aldo Romanelli dell’Istituto Cangrande della Scala.

Concluderanno i lavori gli interventi sul progetto “Quattro Venti per l’Europa”, proposto da Ecoaction e Green Mood, di Alessandro Delaini, Dino Poli e Flavio Conti.

 

  • Facebook
  • Twitter
  • Add to favorites
  • Google
  • LinkedIn
  • Email
  • RSS