Sviluppo sostenibile
Edilizia
Fotovoltaico
Solare Termico
Geotermico
Biomasse
Eolico
Idroelettrico
Mobilità
Home » Edilizia, News

Certificazioni Energetiche digitali in Lombardia

Print Friendly

Il certificato energetico, obbligatorio in Lombardia dal 1 gennaio 2012 per vendere un immobile o affittarlo, per le nuove costruzioni e le ristrutturazioni integrali, è diventato digitale.
Il Decreto Dirigente Unità Organizzativa 23 ottobre 2012 n. 9433 prevede, infatti, che a partire dal 1 marzo 2013 gli Attestati di Certificazione Energetica (ACE) vengano prodotti non solo in cartaceo ma anche con firma digitale e inseriti nel Catasto Energetico Edifici Regionale.

Gli attestati saranno messi a disposizione dei Comuni e dei notai che potranno accedere al Catasto Energetico, semplificando le procedure di richiesta e ottenimento della documentazione necessaria per la compravendita degli immobili in tutta la Regione.
Se prima solamente il certificatore era legittimato a produrre copia degli Attestati, ora anche i Comuni e i notai accreditati potranno estrarre i file degli Attestati dal Catasto Energetico.
Il proprietario che avrà bisogno di una copia dell’Attestato di Certificazione Energetica del proprio immobile potrà rivolgersi al certificatore che l’ha prodotto, al Comune o a un notaio accreditato per ottenere tale documento.

L’Attestato di Certificazione energetica è un documento che descrive le caratteristiche energetiche di un immobile (edificio o appartamento) e che prevede l’analisi della localizzazione, dispersione termica, produzione di acqua calda, del raffrescamento e del riscaldamento degli ambienti, di eventuali sistemi di produzione di energia rinnovabile.
Due gli indicatori:

• Ipe, indice di prestazione energetica: indica il rapporto tra consumo e superficie dell'appartamento in un anno, calcolato su un metro quadro. Più il valore di questo indice è basso, più l'efficienza energetica della casa è alta. 
• CE, la classe energetica: non dà informazioni sul consumo effettivo, ma sull'efficienza energetica globale dell'immobile.

È necessario nelle compravendite (il venditore che non ottempera questo obbligo incorre in una sanzione amministrativa da 5mila a 20mila euro); nelle locazioni (gli annunci immobiliari devono riportare la classe energetica e l’indice dei consumi del bene, sia per le locazioni che per le vendite); in caso di dichiarazione di agibilità di una nuova costruzione da parte del Comune; in caso di richiesta della detrazione fiscale del 55% (il certificato va inviato all’Enea per attestare il miglioramento dei consumi nel caso di coibentazione dei tetti, pareti e solai, mentre non serve per l’installazione di pannelli solari termici e sostituzione di infissi in singole unità e l’incentivo sarà attivo fino a giugno 2013); in caso di richiesta incentivi legati al nuovo conto termico.


Sul sito del Cened, il portale che gestisce le certificazioni energetiche in Lombardia, è riportato uno schema riassuntivo circa le opzioni di utilizzo del formato cartaceo o digitale dei documenti.

L’ACE viene rilasciato al proprietario dell’immobile da un certificatore energetico in formato cartaceo e digitale.
In Lombardia possono rilasciare certificati energetici gli
architetti, gli ingegneri e i geometri iscritti ai rispettivi ordini e i laureati in Scienze e tecniche dell’edilizia, Scienze e tecnologie fisiche, Scienze geologiche, Fisica, Pianificazione territoriale e urbanistica, Scienze della natura, Scienze e tecnologie geologiche. Tutte figure che devono aver frequentato un corso di formazione ritenuto idoneo da Finlombarda, la società regionale che svolge le funzioni di organismo di accreditamento.

Per i corsi che inizieranno dopo il 1° ottobre 2013 scatterà l’obbligo di sostenere l’esame conclusivo secondo le modalità che saranno stabilite nei prossimi mesi proprio da Finlombarda. Sarà inoltre obbligatorio l’aggiornamento quinquennale per i certificatori accreditati, pena la loro cancellazione dall’elenco.
I dipendenti comunali accreditati come certificatori potranno svolgere l’attività di certificazione anche su edifici ubicati nel Comune nel quale prestano servizio.

zp8497586rq

  • Facebook
  • Twitter
  • Add to favorites
  • Google
  • LinkedIn
  • Email
  • RSS