Sviluppo sostenibile
Edilizia
Fotovoltaico
Solare Termico
Geotermico
Biomasse
Eolico
Idroelettrico
Mobilità
Home » News, Nord Est, Sviluppo sostenibile

Veneto, nuova procedura breve per parere VAS

Print Friendly

Sar? applicata in via sperimentale una nuova procedura amministrativa di VAS (Valutazione Ambientale Strategica), stabilendo come periodo di riferimento l?arco temporale che va dall?1 aprile al 30 settembre 2013.

Lo ha deciso la giunta regionale, su proposta del vicepresidente e assessore al territorio Marino Zorzato, prendendo atto del parere favorevole espresso dalla Commissione Regionale VAS che ? l?Autorit? relativa a questo procedimento che analizza gli effetti sull’ambiente derivanti dall’elaborazione ed adozione di piani e programmi, al fine di promuovere uno sviluppo sostenibile.
?Con questa sperimentazione ? evidenzia Zorzato ? la Regione continua sulla strada della semplificazione, perseguendo da un lato i principi di economicit?, efficacia ed efficienza e rispondendo cos? anche alle richieste dei vari soggetti coinvolti in questo tipo di procedura in termini di trasparenza, partecipazione e collaborazione?.

Dal 2010 le pratiche presentate agli uffici regionali che operano a supporto della Commissione Regionale VAS sono in aumento costante. Di anno in anno si ? fatta pi? pressante l?esigenza di tempi pi? brevi e immediati nelle istruttorie tecniche, amministrative e nell’espressione del parere da parte della Commissione. Con tale procedura si punta, quindi, a dimezzare la tempistica per l?emanazione del parere.

La nuova procedura VAS prevede che il Comune invii la richiesta per l?espressione parere VAS e per il deposito del Piano o Programma presso gli uffici della Regione che protocollano la richiesta e provvedono alla pubblicazione nel sito Internet dei documenti e al deposito, tanto nel formato cartaceo che digitale, per la consultazione da parte di chiunque. L?istruttoria su quanto pubblicato inizia subito e la Regione richiede l?eventuale integrazione amministrativa e tecnica entro 30 giorni dalla pubblicazione del Piano o del Programma e fissa gi? la data dell’incontro con il Comune (che deve essere successivo alla scadenza dei 60 giorni di pubblicazione nel Bollettino Ufficiale per aspettare osservazioni e controsservazioni).

Regione e Comune si incontrano, verbalizzando l’incontro con contestuale consegna della richiesta delle eventuali ed ulteriori integrazioni. A questo punto la Regione redige la Relazione Istruttoria e la sottopone alla Commissione Regionale VAS per il parere di competenza.

Con la nuova procedura, grazie ad una collaborazione immediata e continua tra Regione e Comune, si avranno tempi certi e abbreviati portando a conclusione l?iter entro un termine massimo di 105 giorni (60+45), anche se, conclude Zorzato, si conta di arrivare a ottimizzare i tempi in 60 giorni e quindi a ridurrli a un quarto rispetto al passato. Con la vecchia procedura, infatti, il termine medio per la conclusione era di almeno 270 giorni (120+60+90).

  • Facebook
  • Twitter
  • Add to favorites
  • Google
  • LinkedIn
  • Email
  • RSS