Sviluppo sostenibile
Edilizia
Fotovoltaico
Solare Termico
Geotermico
Biomasse
Eolico
Idroelettrico
Mobilità
Home » Italia, News, Sviluppo sostenibile

AL VIA LA NUOVA STRATEGIA ENERGETICA NAZIONALE

Print Friendly

Il Ministero dello Sviluppo Economico ha pubblicato il testo definitivo della Strategia Energetica Nazionale (SEN), in seguito al processo di consultazione pubblica avviato a metà dell'ottobre scorso e che ha visto la partecipazione di istituzioni, associazioni di categoria, ambientaliste e di consumatori, parti sociali e sindacali, enti di ricerca, centri studi, singole aziende e cittadini.

Dopo l’approvazione del Decreto Interministeriale di consolidamento dello scorso 8 marzo, il nuovo documento ora dovrà essere sottoposto al vaglio del Parlamento appena eletto.
Quattro i principali obiettivi strategici evidenziati dal Ministero: riduzione dei costi energetici, pieno raggiungimento e superamento di tutti gli obiettivi europei in materia ambientale, maggiore sicurezza di approvvigionamento e sviluppo industriale del settore energia.

Rispetto al documento posto in consultazione, il MISE dichiara di aver recepito numerosi contributi nella nuova versione del testo. Tra i più rilevanti, una maggiore esplicitazione delle strategie di lunghissimo periodo (fino al 2050), in coerenza con la Roadmap di decarbonizzazione europea;  la quantificazione dei costi e benefici economici della strategia; una definizione più precisa delle infrastrutture strategiche gas, con particolare riferimento al dimensionamento di nuovi impianti di stoccaggio e di rigassificazione; una più precisa descrizione delle misure di accompagnamento alla grid parity delle rinnovabili elettriche, una volta terminato il sistema incentivante attuale; ed infine una migliore definizione degli strumenti previsti per accelerare i miglioramenti nel campo dell’efficienza energetica (es. certificati bianchi, PA, standard obbligatori, certificazione).

La Strategia presenta, quindi, un doppio orizzonte temporale: non soltanto punta al conseguimento degli obiettivi previsti al 20-20-20, ma guarda anche ad un’evoluzione del sistema per il 2050, «tracciando un percorso che consenta al contempo di migliorare fortemente gli standard ambientali e di “decarbonizzazione” e di rafforzare la nostra sicurezza di approvvigionamento, grazie ai consistenti investimenti attesi nel settore».

Per il raggiungimento di questi risultati, la strategia si articola in sette priorità con specifiche misure concrete a supporto:

  • la promozione dell’efficienza energetica, definita “strumento ideale per perseguire tutti gli obiettivi della SEN”;
  • la promozione di un mercato del gas competitivo, integrato con l’Europa e con prezzi ad essa allineati, e con l’opportunità di diventare il principale Hub sud-europeo;
  • lo sviluppo sostenibile delle energie rinnovabili, per le quali viene ribadita l’intenzione di superare gli obiettivi europei (‘20-20-20’), contenendo al contempo l’onere in bolletta;
  • lo sviluppo di un mercato elettrico pienamente integrato con quello europeo, efficiente (con prezzi competitivi con l’Europa) e con la graduale integrazione della produzione rinnovabile;
  • la ristrutturazione del settore della raffinazione e della rete di distribuzione dei carburanti;
  • lo sviluppo sostenibile della produzione nazionale di idrocarburi, nel rispetto dei più elevati standard internazionali in termini di sicurezza e tutela ambientale;
  • la modernizzazione del sistema di governance del settore, con l’obiettivo di rendere più efficaci e più efficienti i nostro processi decisionali.

In aggiunta a queste priorità, soprattutto in un ottica di più lungo periodo, il documento enfatizza l’importanza e propone azioni d’intervento per le attività di ricerca e sviluppo tecnologico, funzionali in particolare allo sviluppo dell’efficienza energetica, delle fonti rinnovabili e all’uso sostenibile di combustibili fossili.

Il nuovo testo, pubblicato la settimana scorsa, ha finora incassato l'approvazione di alcune tra le più importanti associazioni del settore, tra cui CARTE, Anie, Aper e Assosolare; tuttavia, le stesse associazioni non mancano di segnalare che rimangono ancora numerosi nodi da sciogliere perché la green economy italiana possa intraprendere un adeguato e significativo percorso di crescita nei prossimi anni.


Leggi il documento SEN completo

jfdghjhthit45
zp8497586rq

  • Facebook
  • Twitter
  • Add to favorites
  • Google
  • LinkedIn
  • Email
  • RSS