Sviluppo sostenibile
Edilizia
Fotovoltaico
Solare Termico
Geotermico
Biomasse
Eolico
Idroelettrico
Mobilità
Home » Italia, News, Sviluppo sostenibile

L’ECONOMIA VERDE SFIDA LA CRISI

Print Friendly

Il 23,6% delle imprese punta sulla green economy per uscire dalla crisi e il 38,2% delle assunzioni è verde: questi i dati più significativi del Rapporto GreenItaly 2012 di Fondazione Symbola e Unioncamere.

Il rapporto evidenzia come la profondità degli effetti di questa crisi perdurante abbia indotto l’intero sistema economico italiano verso un radicale ripensamento del modello di sviluppo in direzione di una maggiore sostenibilità ambientale, di una maggiore innovazione, qualità ed efficienza. Tanto che quasi un?impresa su quattro ha realizzato negli ultimi tre anni, o realizzerà entro quest’anno, investimenti in prodotti e tecnologie che assicurano un maggior risparmio energetico o un minor impatto ambientale.

Questo non solo nei classici settori delle fonti rinnovabili, dell?efficienza energetica, del ciclo dei rifiuti: la strada “verde” rappresenta ormai una via segnata e battuta anche da una percentuale significativa di imprese in fase di start up, nel manifatturiero come nell’agricoltura e nel terziario, a partire dal turismo. Tra le ?vere? nuove imprese individuate da Unioncamere (circa 103 mila) nei primi sei mesi del 2012, il 14% ha già realizzato nella prima parte dell?anno o realizzer? entro il 2013 investimenti green.

Il modello green risulta, nel tempo, sempre pi? diffuso nei diversi settori e nei diversi territori del Paese. Le analisi evidenziano un processo di “ecoconvergenza” nel nostro sistema, ovvero una tendenza virtuosa ad incrementare i livelli di eco-efficienza, laddove gli impatti ambientali delle attività economiche appaiono più accentuati.
Questo approccio strategico, caratterizzato dalla logica di network e di integrazione di filiera (a metà settembre di quest?anno un contratto di rete su cinque può essere considerato “green”), è chiaramente più diffuso nella manifattura, dove la quota di imprese che realizzano investimenti green supera il 27% a fronte di un più ridotto 21,7% nel terziario. Tra le attività manifatturiere, oltre alle attivit? sostanzialmente connesse all’energia (prodotti petroliferi e public utility), spiccano la filiera della gomma e della plastica, la lavorazione dei minerali non metalliferi, quelle della carta e della stampa, della meccanica, dei mezzi di trasporto, dell’elettronica e strumentazione di precisione, dove la quota di imprese che realizzano investimenti green va ben oltre la media, con una punta record del 41% nel caso del comparto chimico-farmaceutico.

La green Italy, inoltre, è diffusa in modo pervasivo in tutto il Paese: tra le prime dieci regioni per numero delle imprese green sul totale troviamo Lombardia (69 mila imprese che investono), Veneto (quasi 34 mila imprese), Emilia Romagna e Piemonte, ma anche Lazio, Campania, Sicilia e Puglia.

Anche per quanto riguarda l?occupazione la green economy sembra possedere una marcia in più e tenere meglio ai venti della crisi, tanto che il 38,2% delle assunzioni complessive programmate (stagionali inclusi) da tutte le imprese italiane dell?industria e dei servizi per l?anno in corso si deve alle aziende che investono in tecnologie green. Guardando ai numeri assoluti, ciò significa che sul totale di oltre 631 mila assunzioni complessive programmate, oltre 241 mila sono ascrivibili ad imprese che credono nella green economy.
L’imprenditoria legata all’ambiente dimostra di avere una dinamicità in campo occupazionale: delle 358 mila imprese che hanno investito negli ultimi tre anni – o lo faranno quest’anno – in tecnologie green, ben il 20% prevede nel 2012 di assumere, laddove per le altre imprese non investitrici la quota quasi si dimezza. (12,6%). Inoltre circa il 30% delle assunzioni complessive non stagionali programmate per il 2012 è per figure professionali legate alla sostenibilità.

Scarica il pdf del rapporto Greenitaly 2012

  • Facebook
  • Twitter
  • Add to favorites
  • Google
  • LinkedIn
  • Email
  • RSS