Sviluppo sostenibile
Edilizia
Fotovoltaico
Solare Termico
Geotermico
Biomasse
Eolico
Idroelettrico
Mobilità
Home » Geotermico, Italia, News

IN ITALIA GEOTERMIA NON STRATEGICA

Print Friendly

Il documento di osservazioni sulla strategia energetica nazionale (SEN) prodotto dal Distretto Tecnologico per le Energie Rinnovabili, l?Efficienza Energetica e la Green Economy (DTE-Toscana) congiuntamente al Polo di Innovazione per le Energie Rinnovabili, il Risparmio Energetico (Polo PIERRE) evidenzia come il settore della geotermia sia ?completamente ignorato dal documento di consultazione?.

Gli esperti in questione sostengono che ?l?attuale monopolista di fatto (Enel) ha una politica dichiarata sulle basse e medie entalpie che prevede soltanto gli usi termici (certamente, da favorire per quanto possibile). Non ritiene evidentemente produttivo (avendo una potenza ?convenzionale? installata di quasi 800 MWe che produce oltre 7000 h/anno) investire in impianti di nuova tipologia (come invece la stessa ENEL fa all?estero, in Nevada, realizzando ad esempio impianti binari). Adesso, dal 2010, sono stati estesi i permessi per esplorazione ma in una situazione ormai spesso molto compromessa per l?opposizione locale a questi impianti; ma i nuovi ?competitors? sono oggettivamente svantaggiati, in quanto ENEL ha una conoscenza profonda dei campi geotermici toscani attualmente in produzione, maturato in oltre 50 anni di ?coltivazione? che le consentirebbero di introdurre le nuove tecnologie con investimenti di gran lunga inferiori. Ci? nonostante, questi nuovi impianti non vengono costruiti da ENEL, che continua a proporre impianti tradizionali.

? un chiaro esempio ? concludono gli esperti?? di come una big company che detiene un monopolio del settore riesca ad ostacolare in modo efficace la crescita di piccoli imprenditori e l?attrazione di investitori anche da paesi esteri?.

Quello che manca nel documento del Ministero, gi? evidenziato da pi? parti, ? una visione di medio-lungo periodo: se vi ? una reale volont? da parte del Ministero dello Sviluppo Economico di sostenere lo sviluppo dell?energia geotermica, ? allora necessario definire in modo chiaro quanti MW installare, quali tipologie di risorse utilizzare, quali tecnologie da applicare in un arco temporale non inferiore ai prossimi 15-20 anni.
Come per altri settori delle FER, anche in questo manca la ?possibilit? di portare a compimento i progetti geotermici in tempi compatibili con i piani d?investimento industriali?, dato che le attuali procedure risultano essere ?molto incerte? negli esiti e nei tempi di espletamento.

Il documento ? consultabile a questo link.

  • Facebook
  • Twitter
  • Add to favorites
  • Google
  • LinkedIn
  • Email
  • RSS