Sviluppo sostenibile
Edilizia
Fotovoltaico
Solare Termico
Geotermico
Biomasse
Eolico
Idroelettrico
Mobilità
Home » Eolico, Europa, Fotovoltaico, Idroelettrico, Mobilità, News

IMPATTO AMBIENTALE DELLO STORAGE

Print Friendly

Le batterie sono un elemento chiave nella valutazione della sostenibilità di una tecnologia energetica, sia utilizzate nella mobilità, ibrida ed elettrica, sia nella produzione di energia rinnovabile su piccola scala.

Uno studio dell’Università di Bath, in Inghilterra, ha valutato gli impatti ambientali ed energetici di produzione degli strumenti di storage.
Cinque i tipi di batterie analizzati dai ricercatori inglesi, considerando l’esaurimento di metallo, l’impatto sui cambiamenti climatici e la domanda di energia: al piombo, agli ioni di litio, al nichel-cadmio, al nichel-metallo-idruro e al sodio-zolfo.

I risultati indicano, ad esempio, che le batterie al litio hanno l’impatto più significativo, in termini di esaurimento di metallo e di gas a effetto serra (GHG), ma si stima che per ogni MegaJoule di capacità, le batterie al litio abbiano un livello di tossicità per l’uomo del 50% inferiore rispetto alle batterie al piombo.
Le batterie che richiedono più energia per la loro produzione sono quelle al nichel, mentre le batterie sodio-zolfo e al piombo hanno il risultato migliore in termini di fabbisogno energetico ed emissioni di gas serra.

L’analisi prende in considerazione anche la produttività, la lunghezza di utilizzo, le prestazioni a temperature diverse, la capacità di scarica rapida e lo smaltimento.

Per approfondimenti:
Leggi il comunicato completo (in inglese)
Leggi lo studio completo (in inglese)

  • Facebook
  • Twitter
  • Add to favorites
  • Google
  • LinkedIn
  • Email
  • RSS