Sviluppo sostenibile
Edilizia
Fotovoltaico
Solare Termico
Geotermico
Biomasse
Eolico
Idroelettrico
Mobilità
Home » Biomasse, Italia, News

BIOGAS: MIGLIORARE I SOTTOPRODOTTI AGROINDUSTRIALI

Print Friendly

Il Consorzio Italiano Biogas spiega come gestire le matrici in ingresso dei digestori anaerobici – divise in prodotti, sottoprodotti e rifiuti – nella produzione di biogas e biometano.
Nel corso del workshop “Biogas tra presente e futuro” di martedì scorso a Cremona, il CIB ha presentato un testo di approfondimento, redatto con informazioni tecniche, operative e legali, che fornisce spunti di riflessione mirati ad uniformare le prassi amministrative e le prescrizioni legate alle autorizzazioni e alla gestione degli impianti, nelle diverse Regioni e Province.

Si tratta di un tema caldo in queste settimane: l’incremento dell’incentivo per l’uso dei sottoprodotti agricoli rispetto alle colture dedicate è infatti inserito all’interno del decreto Rinnovabili del 3 marzo 2011 e, quindi, nelle recentissime attuazioni. L’utilizzo dei prodotti di scarto, dunque, permetterebbe una riduzione delle matrici da colture dedicate utilizzabili negli impianti.

“È evidente – sottolinea Piero Gattoni, Presidente del CIB – che la previsione di un sistema premiante a bonus potrà creare un appesantimento burocratico per i produttori. Ci aspettiamo che le prossime norme applicative siano pubblicate velocemente. In particolare nel campo della definizione di sottoprodotto viviamo in un clima di costante incertezza normativa che è sempre in evoluzione”.

  • Facebook
  • Twitter
  • Add to favorites
  • Google
  • LinkedIn
  • Email
  • RSS