Sviluppo sostenibile
Edilizia
Fotovoltaico
Solare Termico
Geotermico
Biomasse
Eolico
Idroelettrico
Mobilità
Home » IREX, News

IREX: COMMENTO dal 2 al 13 aprile

Print Friendly

IL COMMENTO

a cura di Rastello Group srl


Continua il periodo nero del mercato borsistico italiano. Il FTSE Mib, dal 2 al 13 aprile, ha perso quasi dieci punti percentuali. Lo spread, dopo un periodo di relativa tranquillità, ha ripreso la sua risalita, passando dai 330 punti base del 2 aprile ai 365 punti base di venerdì 13, con un picco di oltre 400 punti.

Ciò non bastasse, durante la seconda settimana di aprile, sono stati anticipati dal Governo con una presentazione congiunta i due decreti ministeriali che rivedranno l’intero quadro italiano di incentivi alle rinnovabili (di cui uno esclusivamente per il fotovoltaico, il quinto conto energia). I due decreti, attesi ufficialmente nelle prossime settimane, dovrebbero rivoluzionare l’intero sistema d’incentivazione da luglio 2012, ma i primi effetti, purtroppo, sono già ben visibili.

Le turbolenze del sistema finanziario europeo e le tutt’altro che rosee previsioni sul futuro del mercato italiano delle rinnovabili non potevano che destabilizzare anche l’indice IREX, vero e proprio termometro di questi due fattori. L’indice in questione ha perso oltre il dieci percento nelle due settimane appena trascorse.

Gli unici segni positivi del periodo sono stati dati da EEMS ed ErgyCapital:

La prima ha siglato un accordo con la cinese SK Hynix Semiconductor, che permetterà all’italiana di affidare parte di servizi d’assemblaggio ad un partner solido presumibilmente ad un prezzo conveniente.

La seconda, invece, ha comunicato che il giudice delle indagini preliminari ha emesso il decreto di archiviazione del procedimento penale relativo all’impianto situato nel comune di Rieti, bloccato dal 2011, dando così il via libera alla revoca del sequestro ed alla restituzione del medesimo alla società.

Le prossime saranno quindi settimane di attesa, il futuro del mercato italiano delle rinnovabili è ora in mano alle decisioni del Governo.

L’indice italiano delle rinnovabili si occupa di analizzare e raggruppare alcune tra le più importanti aziende del settore delle energie rinnovabili, quotate nel mercato borsistico italiano (Borsa Italiana). Le società considerate operano nella produzione di energia eolica, fotovoltaica, da biomassa e da biogas oppure nelle tecnologie affini, realizzando in questo settore la quota prevalente del loro fatturato.

L’indice IREX comprende le aziende: Alerion: è un’azienda che opera nel settore di produzione e commercializzazione dell’energia elettrica, utilizzando 100% di Fonti Rinnovabili; EEMS: gruppo internazionale di aziende leader nell’assemblaggio e nello sviluppo di tecnologie fotovoltaiche (celle cristalline, moduli tecnologicamente avanzati etc.); ErgyCapital: società di investimenti specializzata nei settori energia rinnovabile e risparmio energetico, operante in Italia ed in Europa. Greenvision Ambiente: gruppo industriale fortemente concentrato nella realizzazione e nella gestione di impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili; Falck Renewables: raggruppamento di aziende attive nella produzione di energia da fonti rinnovabili; K.R.Energy: holding di partecipazioni industriali attiva nella produzione di energia da fonti rinnovabili, con un focus particolare nel settore solare; Kerself: gruppo leader italiano nell’attività di System Integration di impianti fotovoltaici e campi solari di qualsiasi dimensione; Kinexia: è una società attiva nello sviluppo e nella realizzazione di attività nell’ambito delle energie rinnovabili. Terni Energia: società focalizzata nella fornitura di impianti fotovoltaici (System Integrator) e nella produzione di energia elettrica mediante la conversione dell’energia solare (Power Generation).

 

A cura di
Rastello Group srl- INNOVAZIONE E SVILUPPO D’IMPRESA
via T. Dal Molin , 78 – Desenzano d/G – Tel: 030 919353 – Fax: 030 9197915
Email: ufficio@rastellogroup.it – www.rastellogroup.it

 

  • Facebook
  • Twitter
  • Add to favorites
  • Google
  • LinkedIn
  • Email
  • RSS