Sviluppo sostenibile
Edilizia
Fotovoltaico
Solare Termico
Geotermico
Biomasse
Eolico
Idroelettrico
Mobilità
Home » Aziende Informano

21% DI EFFICIENZA: CELLA MONOCRISTALLINA DI GRANDE AREA

Print Friendly

Grazie alla loro congiunta attività di Ricerca&Sviluppo, Silfab SpA (Italia) and ISC Konstanz (Germania) hanno ottenuto un’efficienza di conversione energetica del 21%, con potenzialità di giungere oltre il 24%, su una cella in silicio monocristallino di grande area, utilizzando un procedimento produttivo a basso costo.

“ZEBRA”, la nuova cella solare back-contact presentata la scorsa estate, ha ora raggiunto un’efficienza di conversione energetica del 21%, con margini di sviluppo oltre il 24%. Si tratta di un risultato particolarmente importante, ottenuto con un processo industriale standard a basso costo, come annunciato oggi da Silfab SpA (Padova), azienda leader del settore fotovoltaico con basi in Italia e in Canada, e dall’Istituto di Ricerca International Solar Energy Research – ISC Konstanz (Germania), a seguito della loro attività congiunta di Ricerca&Sviluppo.

La cella ZEBRA, prodotta a partire da wafer in silicio monocristallino “n-type” di grande area (156 mm x 156 mm), ha contatti e giunzioni sul retro lasciando così la faccia esposta al sole completamente libera. Con l’attuale tecnologia industriale di produzione di celle monocristalline l’efficienza massima raggiungibile è prevista attorno al 19-20% mentre con la nuova tecnologia di Silfab l’efficienza parte già al 21% odierno per oltrepassare il 24%, il che significa ridurre significativamente il costo produttivo per watt picco. In termini di performance la cella Zebra ha quindi il suo punto di partenza in corrispondenza al punto di arrivo della cella tradizionale. Si apre pertanto una nuova frontiera per l’industria fotovoltaica internazionale.

Grazie a tale partnership, una linea pilota di per la produzione di celle e moduli sarà avviata nei prossimi mesi. Le perfomance energetiche delle celle Zebra renderanno possibile la produzione di moduli che, composti da 60 celle, avranno con una potenza nominale di picco da 300 W, un costo/watt molto competitivo e l’assenza dell’effetto LID (Light Induced Drift).

La produzione delle celle Zebra consiste nella semplice combinazione di singole fasi di processo che sono già utilizzate nella produzione industriale fotovoltaica in tutto il mondo, evitando pertanto la necessità di adottare specifici impianti per la produzione di celle IBC (interdigitated back-contact). Le attuali linee produttive di celle possono quindi essere utilizzate per produrre le nuove celle super efficienti con una significativa riduzione di costo per watt. Silfab ha infatti intenzione di mettere il proprio know-how a disposizione delle aziende che vogliano riconvertire la loro produzione tradizionale, proponendosi come partner tecnologico al fine di contribuire alla competitività e redditività del settore.

  • Facebook
  • Twitter
  • Add to favorites
  • Google
  • LinkedIn
  • Email
  • RSS