Sviluppo sostenibile
Edilizia
Fotovoltaico
Solare Termico
Geotermico
Biomasse
Eolico
Idroelettrico
Mobilità
Home » Biomasse, Fotovoltaico, News, Nord Est, Solare Termico

CASTELNUOVO DEL GARDA INVESTE IN ENERGIA PULITA

Print Friendly

Quattro nuovi impianti FER per 12mila abitanti: a Castelnuovo del Garda (VR) verranno inaugurati martedì 13 dicembre un cogeneratore a celle a combustibile (fuel cell), una centrale termica a biomassa nella frazione di Cavalcaselle e due impianti fotovoltaici a Castelnuovo e nella frazione di Sandrà.
L’Energy day della cittadina veronese sarà firmato “Energia pulita per una comunità solare”.

Il cogeneratore a celle a combustibile, denominato Sidera 30, produce energia elettrica e termica utilizzando come combustibile idrogeno derivato da metano. È il primo del suo genere ad essere installato in un polo scolastico in Italia e molto probabilmente nel mondo.
Il cogeneratore Sidera 30 realizzato da ICI Caldaie, acquisito dal Comune di Castelnuovo del Garda con risorse proprie e con il contributo della Regione Veneto, è in grado di produrre una potenza di 30 kW elettrici e 45 kW termici con la stessa quantità di metano consumata da una caldaia di buona qualità da 50 kW termici. Il sistema ha emissioni inquinanti pressoché nulle ed utilizza gas naturale dalla rete di distribuzione.

La centrale a biomassa, realizzata in collaborazione con Etatech, sfrutta invece il cippato proveniente come scarto di produzione da una segheria del territorio.
Il risultato è un impianto di mini teleriscaldamento a servizio del polo scolastico (scuola primaria e dell’infanzia),  del centro sociale e del nuovo parco sportivo della frazione di Cavalcaselle.
Attualmente, l’impianto ha una caldaia di potenzialità pari a 650 kW termici, ma l’edificio che la contiene è stato progettato per accogliere due caldaie per una potenzialità complessiva pari a 1300 kW.

I due impianti fotovoltaici, realizzati dalla Bayer-Raach, hanno una potenza rispettivamente di 630kWp per Castelnuovo e di 999kWp per Sandrà, dai quali è attesa una produzione annua di oltre 1.800.000 kWh.

«Questi progetti sottolineano l’attenzione del Comune all’aspetto ambientale – sostiene il consigliere delegato all’Ecologia, Ambiente e Agricoltura, Roberto Oliosi – e proprio in quest’ottica l’Amministrazione comunale ha deciso di intraprendere il percorso per una gestione sistematica e pianificata: la Certificazione Ambientale Emas».
Nell’occasione, il CSQA (Centro Studi Qualità Ambiente) dell’Università di Padova, che sta supportando il Comune di Castelnuovo del Garda per l’ottenimento della Certificazione ambientale EMAS, illustrerà lo stato d’avanzamento del progetto. 

Nel corso della mattinata i progetti verranno illustrati dalle aziende che hanno collaborato con il Comune nella realizzazione. Al termine, verranno organizzate visite guidate agli impianti.

jfdghjhthit45

  • Facebook
  • Twitter
  • Add to favorites
  • Google
  • LinkedIn
  • Email
  • RSS