Sviluppo sostenibile
Edilizia
Fotovoltaico
Solare Termico
Geotermico
Biomasse
Eolico
Idroelettrico
Mobilità
Home » News, Nord Est

GREEN ECONOMY: VENETO E TRENTINO LEADER IN ITALIA

Print Friendly

La green economy italiana riconverte in chiave ecosostenibile i comparti tradizionali dell’industria. È quanto emerge nel Rapporto GreenItaly 2011 che Symbola e Unioncamere hanno presentato lunedì a Milano.

Una vera rivoluzione verde, che già oggi interessa il 23,9% delle imprese che tra il 2008 e il 2011 hanno investito in tecnologie e prodotti green, creando occupazione.
Il rapporto GreenItaly evidenzia, infatti, come la crisi ha posto l’intero sistema di fronte alla necessità di un ripensamento del modello di sviluppo: tanto che un’impresa su quattro ha realizzato negli ultimi tre anni investimenti in prodotti e tecnologie che assicurano un maggior risparmio energetico o un minor impatto ambientale

Per quanto riguarda i settori, questa visione strategica è più diffusa nella manifattura, dove il 28% delle imprese realizzano investimenti green, a fronte del 22% nel terziario. E tra le attività manifatturiere, oltre alla chimica e alle attività connesse all’energia (prodotti petroliferi e public utilities), spicca la filiera della meccanica, mezzi di trasporto, elettronica e strumentazione di precisione, dove un’impresa su tre investe per ridurre l’impatto ambientale delle proprie produzioni.

La diffusione del fenomeno green attraversa il Paese da Nord a Sud.  La classifica regionale per  incidenza delle imprese green vede in testa il Trentino-Alto Adige (con il 29,5% di imprese che investono in tecnologie “verdi”), seguito dalla Valle d’Aosta (27,3%) e Molise. Con valori di poco superiori al 24% si posizionano poi la Lombardia, il Friuli-Venezia Giulia e il Veneto.
Per quanto riguarda i valori assoluti, invece, la Lombardia guida la classifica con 69.330 imprese che investono nel green, seguita dal Veneto con 32.250 imprese.

Anche per quanto riguarda l’occupazione la green economy sembra possedere una marcia in più, tanto che nel 2011 il 38% delle assunzioni programmate dalle imprese è riconducibile alla sostenibilità ambientale: ben 220mila su 600mila.

Leggi il Rapporto Greenitaly 2011 completo

jfdghjhthit45

  • Facebook
  • Twitter
  • Add to favorites
  • Google
  • LinkedIn
  • Email
  • RSS