Sviluppo sostenibile
Edilizia
Fotovoltaico
Solare Termico
Geotermico
Biomasse
Eolico
Idroelettrico
Mobilità
Home » Edilizia, News, Nord Est

VENETO: ANCE PUNTA SUL RISPARMIO ENERGETICO

Print Friendly

«Sulla certificazione energetica degli edifici, l’Italia ha una delle legislazioni più avanzate d’Europa. Peccato che, all’atto pratico, la mancanza di una regolamentazione più stringente ne vanifichi lo spirito. Oggi una certificazione su due non è veritiera circa la reale performance energetica dell’immobile.»

E’ quanto si legge in una nota dell’Ance Veneto al termine del convegno “Risparmio Energetico: costruire in classe A” di lunedì 3 ottobre in Fiera a Verona.

«L’efficienza energetica – ha esordito Luigi Schiavo, presidente di Ance Veneto – è un ambito importantissimo non soltanto per il mercato edilizio ma per l’intero sistema economico nazionale. Il Paese paga lo scotto della mancanza di fonti energetiche primarie e dell’importazione di energia dall’estero. Il 40% dell’attuale fabbisogno riguarda il riscaldamento degli immobili, che per buona parte risulta vecchio e inadeguato rispetto agli standard energetici attuali. Parliamo di almeno due edifici su tre. Intervenire sull’esistente darebbe respiro a un settore in difficoltà e contestualmente abbatterebbe la bolletta energetica del Paese».

Sul piano della normativa si è lavorato molto, ma l’assenza di una regolamentazione severa sugli enti certificatori, ha finora limitato le iniziative in tema di efficienza energetica, causando anche l’invalidamento di un certificato su due.

Per questa ragione, Ance Veneto sta studiando insieme a Veneto Innovazione, agenzia della Regione Veneto per la ricerca e il trasferimento tecnologico, un marchio di qualità regionale che vada a colmare i limiti del meccanismo attuale di certificazione.

  • Facebook
  • Twitter
  • Add to favorites
  • Google
  • LinkedIn
  • Email
  • RSS