Sviluppo sostenibile
Edilizia
Fotovoltaico
Solare Termico
Geotermico
Biomasse
Eolico
Idroelettrico
Mobilità
Home » Aziende Informano

Fer: Italia e Cina progettano un sistema inovativo

Print Friendly

Firmato alla presenza di Mr. Sun, Responsabile per l’Europa del Ministero del Commercio Estero Cinese, un importante contratto tra Saim Energy (società d’ingegneria italiana), la cinese Sino Solar (società della conglomerata Sinocome, attiva nel campo delle energie rinnovabile e produttore di pannelli solari) ed il Gruppo Yuraku di Singapore (anch’esso attivo nella distribuzione di pannelli solari e nella realizzazione di campi fotovoltaici) per lo sviluppo di un sistema particolarmente innovativo di produzione di energia denominato TST (Treelux Solar Tower), brevettato da Saim Energy.

Il sistema, basato sui flussi di vento derivanti dalla differenza di pressione e da quelli indotti dall’aria surriscaldata per effetto serra, avrà una potenza di 16 Mw con una produzione corrispondente ad un impianto eolico di 70 Mw, con costi particolarmente interessanti. Sino Solar oltre alla fornitura di parte della componentistica del progetto (tra cui le turbine ed un’innovativa copertura fotovoltaica in thin film) promuoverà la certificazione finale della producibilità con la prestigiosa Università di Tsinghua, certificazione con cui si prevede venga ottenuto il sostegno del sistema bancario cinese per il finanziamento del progetto pilota che dovrebbe essere realizzato in Puglia, dove è già stato presentato, ottenendo apprezzamento ed interesse, al Presidente della Regione Nicky Vendola. Sino Solar, una volta realizzato e testato il prototipo, porterà ordini per la realizzazione in Cina di almeno 30 torri solare per un valore commerciale di oltre 1 Miliardo di Euro. E’ allo studio anche la realizzazione di una torre solare nel territorio greco, ed in relazione alla detta operazione è stata coinvolta la greca Fillo Energy.

Lo studio Orrick, ed in particolare il Partner Marco Pocci, Head del desk italiano di Orrick in Cina, insieme a Francesca Isgrò e Stefano Scotti, Associate, sono stati designati come deal counsels per conto della joint venture.

  • Facebook
  • Twitter
  • Add to favorites
  • Google
  • LinkedIn
  • Email
  • RSS