Sviluppo sostenibile
Edilizia
Fotovoltaico
Solare Termico
Geotermico
Biomasse
Eolico
Idroelettrico
Mobilità
Home » News

LAMPADINE: SI CAMBIA

Print Friendly

Da oggi installatori e cittadini europei potranno utilizzare solo lampadine fluorescenti e alogene. In base alla direttiva europea 2005/32/Ce e ai suoi regolamenti applicativi, l’Europa non immetterà più sul mercato lampadine a incandescenza, che restano in vendita fino all’esaurimento delle scorte attuali.

Secondo i dati diffusi ieri dalla Commissione europea, infatti, le lampadine fluorescenti e alogene, a seconda dei modelli consumano dal 25% all’80% in meno rispetto a quelle tradizionali. Per limitare invece l’inquinamento prodotto in caso di rottura del bulbo delle lampadine fluorescenti – contenente 5 milligrammi di mercurio – basterà aprire le finestre e usare una pezza bagnata per pulire, in attesa che gli esperti della Commissione riducano il livello di mercurio a due milligrammi. Per lo smaltimento, poi, saranno i negozianti a gestire le lampadine esaurite.

Inizia oggi, dunque, un percorso che in 7 anni permetterà di rinnovare tutte le lampadine d’Europa:

Fase Data Lampade di cui sarà vietata la prima immissione sul mercato
1 1 settembre 2009 Lampade con bulbo diffondente (ad eccezione delle lampade in classe di efficienza energetica A) e lampade ad incandescenza trasparenti con potenza uguale o superiore a 80 W
2 1 settembre 2010 Lampade ad incandescenza trasparenti con potenza superiore a 65 W
3 1 settembre 2011 Lampade ad incandescenza trasparenti con potenza superiore a 45 W
4 1 settembre 2012 Lampade ad incandescenza trasparenti con potenza superiore a 7 W
5 1 settembre 2013 Innalzamento dei requisiti di qualità
6 1 settembre 2016 Lampade in classe di efficienza energetica C

Nonostante questo percorso appena iniziato, il Wwf – insieme ad altre Ong – chiede che oltre alle lampadine a incandescenza, anche le lampade alogene standard vengano messe al bando in Europa e che vengano date informazioni semplici ai consumatori sulle possibili alternative di economia energetica alla lampadina classica. Almeno fino al 2016, anno in cui è prevista una revisione la prossima legislazione comunitaria sulle lampadine.

Secondo le stime, il cambio di abitudini luminose permetterà una riduzione di 15 milioni di tonnellate di emissioni di CO2 e un risparmio energetico di 40 miliardi di kw/h: a livello europeo si parla di un importo tra i 5 e i 10 miliardi di euro annui in bolletta risparmiati. Secondo un ulteriore studio del centro di ricerca e sviluppo di Philips, la sostituzione a livello mondiale delle lampade porterà a un risparmio pari alla produzione di 228 centrali elettriche in un anno, a livello europeo il risparmio sarà pari a 10 miliardi di euro pari alla produzione di 52 centrali elettriche.

Approfondimenti:

Regolamento 18 marzo 2009, n. 244/2009/Ce
Direttiva 2005/32/CE
Un aiuto ai consumatori europei sulle tecnologie di efficienza energetica (in inglese)

  • Facebook
  • Twitter
  • Add to favorites
  • Google
  • LinkedIn
  • Email
  • RSS